la douleur
50 e stop

“La douleur” ovvero l’estenuante attesa del ritorno

Trasfigurare la propria vita in letteratura, osservarla in terza persona, ascoltare dall’esterno il fluire dei pensieri e compiacersi del proprio dolore immobile, che si alimenta egoisticamente dell’assenza, ingannando il senso di colpa e rendendo personale l’orrore universale della guerra.

Rispondi