Comunicati stampa

Matteo Fiorentino e Giuliano Trombini in mostra presso Galleria 25 a Venosa

VENOSA (PZ) – Una nuova mostra verrà inaugurata sabato 12 dicembre alle ore 19.00 nella neonata “Galleria 25” di Venosa (Pz). Si tratta di una bipersonale dedicata a due importanti rappresentanti del panorama artistico italiano contemporaneo, con alle loro spalle decenni di esperienza: Giuliano Trombini e Matteo Fiorentino.

Il vernissage dell’esposizione vedrà la presenza e la partecipazione di uno dei due autori, il maestro Matteo Fiorentino. Per l’occasione verrà organizzato in galleria un “Aperitivo con l’artista”, durante il quale i visitatori potranno conversare con il protagonista della mostra e scambiare pareri e opinioni. Un’iniziativa che si ripeterà anche in altre occasioni, per le mostre in programma nei prossimi mesi, e che vuole diventare una costante e una peculiarità di “Galleria 25”.

Matteo Fiorentino, pittore pugliese attivo dai primi anni ‘80, porta avanti fin dagli esordi una spasmodica ricerca nell’ambito del figurativo moderno, discostandosi tuttavia dalla elementare descrittività iconografica e dalla riproduzione fedele del paesaggio. Per Fiorentino, infatti, dipingere è un mezzo per scrutare la realtà in quanto spunto per porsi interrogativi, per conoscersi e per percepire sentimenti, memorie ed emozioni anche inconsci proiettati fuori da sé. Questo giustifica il suo volersi affrancare dal naturalismo e dalla più pura pittura di tradizione, che con il tempo lo ha portato ad uno stadio artistico contraddistinto dall’intensità del gesto e del colore.

L’altro artista in mostra, Giuliano Trombini, originario della provincia di Ferrara, si è dedicato alla pittura come sua attività esclusiva a partire dalla metà degli anni ’70. Le sue opere si contraddistinguono per una tematica singolare e costante, in quanto raffigurano un mondo fatto di giovani personaggi, in particolare ragazze, colti negli interni dei bar o lungo le vie di città e periferie. La loro situazione umana è espressa mediante una poetica malinconica, in cui il senso dell’isolamento e della solitudine è sempre incombente. Una condizione di inesorabile incomunicabilità, dunque, molto attuale, che Trombini rappresenta attraverso una pittura spontanea e immediata.

Continua grazie a questa bipersonale, che resterà aperta fino al 19 dicembre, l’attività di promozione dell’arte di “Galleria 25”, che vuole portare in una zona periferica e di provincia i grandi nomi dell’arte del nostro tempo, dando la possibilità di ammirare pregevoli opere anche agli appassionati del posto e cercando al tempo stesso di avvicinare sempre più persone alla pittura.

Committente: Galleria 25

Rispondi