Ultimi giorni per visitare la mostra “Amalarte”

amalarte_mostraPOTENZA – Sarà visitabile fino a giovedì 28 febbraio, presso la redazione potentina di “In Arte”, la collettiva di arti visive “Amalarte”, inaugurata lo scorso 14 febbraio, giorno di San Valentino, allo scopo di celebrare l’amore per l’arte. La mostra raccoglie le opere degli artisti a cui è stato dato spazio sulla rivista specialistica nei mesi scorsi, trasportandole dalla vetrina cartacea allo spazio reale della redazione, sita nel centro storico di Potenza.

Parte del più ampio progetto “In Arte Exhibit”, “Amalarte” racchiude e unisce pittura, scultura e fotografia, proponendo allo spettatore importanti esponenti del panorama italiano dell’arte contemporanea. In esposizione le trasfigurazioni cromatiche di Riccardò Badalà, le seducenti linee di Manuel Olivares, il vorticoso collage di immagini di Vincenzo Mascoli, la pittura nostalgica ed evocativa di Antonio Mazziale, i piani prospettici alternati di Pino Nardelli. E ancora le calde e luminose cromie di Pietra Barrasso, il paesaggio dai colori vivaci di Anna Maria Verrastro, il cristallismo cromatico di Michele Carmelo Bellezza e il mondo fantasioso e colorato di Paolo Antonini. Spazio anche alla fotografia dall’atmosfera rarefatta di Giovanni Salvatore e alla sinuosa plasticità della scultura di Salvatore Sebaste.

Il vernissage della mostra è stato animato dalla lettura di poesie d’amore, che gli stessi visitatori hanno potuto selezionare tra le varie alternative proposte, e dall’assaggio offerto dei tradizionali cioccolatini. Come prosecuzione della festa degli innamorati, fino alla chiusura della mostra, aperta al pubblico negli orari dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 21.00, tutte le coppie che faranno ingresso nella redazione di “In Arte” verranno omaggiate di una copia dell’ultimo numero della rivista. Un regalo speciale da poter sfogliare e leggere insieme, ma anche un invito ad iniziare a collezionare i numeri di “In Arte”, per conservare di volta in volta una finestra privilegiata su un mondo di arte e cultura, come suggerisce il sottotitolo della mostra “e mettila da parte”.

Committente: Associazione ARCA

Rispondi