Comunicati stampa

Si chiude a Forenza il secondo concorso “Sacre Visioni”

FORENZA (PZ) – Si svolgerà venerdì 3 maggio a Forenza, a partire dalle ore 17.00 presso la Pinacoteca del Convento del SS. Crocifisso, la cerimonia di chiusura della seconda edizione del concorso nazionale di pittura “Sacre Visioni”, promosso dall’Associazione Arca di Potenza e dal Comune di Forenza. Le 48 opere finaliste sono in mostra dallo scorso 3 aprile all’interno del chiostro del complesso cenobiale, per un suggestivo percorso che indaga, attraverso il soggetto sacro, l’inscindibile rapporto tra arte e fede.

Oltre ai cittadini forenzesi, tra i quali alunni e insegnanti dell’Istituto Comprensivo “Vincenzo Solimena”, molti sono stati i visitatori arrivati nelle scorse settimane a Forenza, anche da fuori regione, per una visita alla mostra collettiva, che è stata anche l’occasione per scoprire il ricco patrimonio artistico custodito nelle chiese cittadine di S. Nicola, dell’Annunziata e, in gran parte, nel Santuario del SS. Crocifisso. Tra il Sei e Settecento, infatti, Forenza accolse opere d’arte di primissimo piano nel panorama meridionale, che ancora oggi si trovano nei luoghi originari. Tra le opere conservate nel Santuario del SS. Crocifisso ci sono alcune tele del monogrammista NF, un pittore, formatosi a Napoli, di cui si è supposta un’origine forenzese identificandolo in Nicola Federici, e cinque tele attribuite di recente all’artista fiammingo Guglielmo Borremans.

La conclusione del concorso “Sacre Visioni” coinciderà con la Festa del SS. Crocifisso, molto sentita a Forenza per la presenza di un Crocifisso ligneo, opera realizzata nel XVII secolo da Fra’ Angelo da Pietrafitta, sull’altare maggiore della Chiesa della Madonna della Stella, attigua al convento francescano. Proprio il 3 maggio, fino a prima della riforma liturgica, la Chiesa celebrava la festa del ritrovamento della Croce di Cristo da parte di Sant’Elena, madre di Costantino.

Nel corso della cerimonia di premiazione verranno proclamate tre opere vincitrici tra quelle finaliste giunte da ogni parte d’Italia, secondo quello che sarà stato il giudizio espresso da una giuria costituita dai componenti della redazione della rivista specialistica “In Arte”. All’autore dell’opera prima classificata sarà assegnato un premio in denaro di 500 euro, mentre secondo e terzo classificato riceveranno rispettivamente 300 e 200 euro. La valutazione della giuria seguirà criteri di attinenza al tema, ricerca e originalità, ferma restando la qualità complessiva delle opere in concorso, rappresentative di tecniche espressive e stili quanto mai vari, che spaziano dal naturalismo all’astrazione.

Committente: Associazione ARCA

Rispondi