Galleria 25: tante presenze alla mostra antologica di Ezio Farinelli

VENOSA (PZ) – Si è svolta domenica scorsa a Venosa l’inaugurazione della mostra di pittura dedicata ad Ezio Farinelli e ospitata presso le sale della “Galleria 25”, nella centrale Piazza Orazio. Presente alla serata lo stesso artista romano, che ha accolto e conversato con il numeroso pubblico intervenuto per ammirare i suoi famosi ritratti di donna, esposti assieme ad altre opere selezionate nella sua vasta produzione appositamente per questa mostra.

Il maestro Farinelli ha raccontato ai presenti i complicati esordi della sua carriera artistica, causati della scarsa fiducia nelle proprie capacità, e la difficoltosa scoperta del proprio talento pittorico. Molto importanti sono stati in quegli anni le frequentazioni romane, che lo hanno portato a conoscere pittori del calibro di Pietro Annigoni, Eliano Fantuzzi, Ugo Rambaldi, Renato Guttuso e Marcello Avenali. La diretta conoscenza con l’arte contemporanea e la combinazione di tali stimoli con quelli provenienti dall’arte classica e rinascimentale e dalle grandi lezioni dell’Ottocento e Novecento, gli hanno permesso di sviluppare uno stile personale, ma al tempo stesso in continua evoluzione, e di proporsi a partire dalla fine degli anni ‘80 con mature e raffinate rappresentazioni in bilico tra realismo e astrattismo.

Farinelli sa farsi apprezzare particolarmente per il tratto elegante del disegno e per la straordinaria maestria nel gestire gli impasti cromatici, che appaiono sempre irruenti e luminosi. A permettere ciò una originale tecnica da lui messa a punto nella stesura dei colori sulla tela, quella, cioè, della “combustione”. Tale procedimento, che – come raccontato dal maestro – si è evoluto nel corso di una sperimentazione iniziata nel 1975, è realizzato con il ricorso ad un’operazione che ha del geniale: i pigmenti naturali dei colori-base sono trattati con fonti di calore, in modo che essi si sciolgano direttamente sulla tela e possano poi essere lavorati attraverso un raffreddamento controllato. I risultati acquisiti sono stupefacenti, in quanto si riescono a creare straordinarie dissolvenze cromatiche derivanti dalle combustioni delle tinte.

Per quanto riguarda i soggetti, come detto Farinelli predilige rappresentare figure femminili, colte in momenti di assoluta sensualità oppure in atteggiamenti teneramente materni. Il suo occhio si sofferma in particolare sulla piacevolezza dei corpi e dei volti, riuscendo ogni volta a trasmettere allo spettatore un’intensa raffinatezza attraverso sublimi ed evanescenti espressioni. Sullo sfondo una molteplicità di colori intensi e vivi, che richiamano forme irreali e visioni suggestive ed esaltano la bellezza delle figure muliebri.

Per chi volesse ammirare le splendide opere esposte nell’antologica di Farinelli, la “Galleria 25” è aperta tutti i giorni dalle 17.30 alle 21.00, ad eccezione del lunedì. La mostra sarà visitabile per oltre un mese e chiuderà il prossimo 6 novembre.

Committente: Galleria 25

Rispondi